8 lettura minuti

Cos'è la terapia cognitivo-comportamentale

 

La terapia cognitivo-comportamentale, o CBT, è un tipo di psicoterapia che aiuta le persone a identificare e modificare i processi di pensiero e i comportamenti negativi. È diventata uno degli approcci terapeutici più utilizzati.

 

Cos'è la terapia cognitivo-comportamentale

cos'è la terapia cognitivo-comportamentaleLa CBT è uno dei trattamenti più efficaci per l'ansia, la depressione e il dolore cronico. È comunemente utile per altre malattie mentali, come i disturbi alimentari, i disturbi da uso di sostanze, il disturbo bipolare, il disturbo da stress post-traumatico (PTSD) e il disturbo ossessivo-compulsivo (DOC). L'idea alla base della CBT è che, poiché i pensieri influenzano le nostre emozioni e i nostri comportamenti, se i modelli di pensiero vengono modificati, il risultato sarà un cambiamento nei sentimenti e nelle azioni.

La CBT prevede sessioni settimanali con un professionista della salute mentale autorizzato e un ciclo completo dura in genere 12-20 settimane. Anche se un individuo non riesce a completare un ciclo completo, alcune sedute possono migliorare la salute mentale generale e fornire le necessarie abilità e strategie di coping.

Durante le prime sedute, i terapeuti cognitivo-comportamentali aiutano a identificare i pensieri e i comportamenti negativi e lavorano con il cliente per modificarli. I terapeuti cognitivo-comportamentali possono anche assegnare compiti a casa, come tenere un diario o praticare nuove abilità al di fuori delle sedute, per aiutare il cliente a sviluppare meccanismi di coping.

 

Modelli di pensiero

Modelli di pensiero della terapia cognitivo-comportamentaleI modelli di pensiero si riferiscono al modo in cui le persone interpretano il mondo che le circonda e le situazioni in cui si trovano. Tendono a essere utili o dannosi. Gli schemi di pensiero di ogni persona sono unici. Identificare gli schemi non salutari aiuta le persone a metterli in discussione e a trasformarli in abitudini più sane. Ecco alcuni degli schemi di pensiero dannosi che la CBT cerca di contrastare:

  • L'ipergeneralizzazione è quando si considera un singolo evento negativo come parte di un modello di sconfitta senza fine. Ad esempio, si può avere una brutta giornata al lavoro e concludere che si sarà sempre un fallimento.

  • Il pensiero "tutto o niente" è quando si vedono le cose in bianco e nero, senza sfumature di grigio. Ad esempio, potreste dire a voi stessi che siete un completo fallimento se non siete perfetti.

  • Il filtro mentale è quando ci si concentra sugli aspetti negativi di una situazione e si ignorano quelli positivi. Per esempio, al lavoro si possono ricevere feedback per lo più positivi, ma ci si concentra sull'unico commento negativo e si ignorano gli altri.

  • La squalifica del positivo è quando si respingono le esperienze positive dicendo a se stessi che non contano. Ad esempio, si può avere una giornata fantastica, ma poi ci si dice che è stato solo un caso fortuito e che non si sarà mai felici.

  • Si salta alle conclusioni quando si formula un'opinione o un pensiero senza avere tutti i fatti. Ad esempio, si può vedere una persona che vi fissa e pensare che vi stia giudicando negativamente.

  • L'ingrandimento/minimizzazione è quando si fa sembrare qualcosa più o meno importante di quanto non sia. Ad esempio, si può dire a se stessi che un piccolo errore commesso dimostra che si è una persona terribile.

  • Il ragionamento emotivo è quando si crede che debba essere vero perché ci si sente in un certo modo. Ad esempio, si può avere la certezza di non superare un esame, anche se non ci sono prove a sostegno di questa convinzione.

  • Le affermazioni "dovrebbe" si verificano quando si hanno regole rigide su come ci si deve comportare e su come si devono comportare gli altri. Ad esempio, potreste dire a voi stessi che "dovreste" essere sempre felici o che gli altri "dovrebbero" trattarvi in modo equo.

  • Si parla di etichettatura quando si assegna un'etichetta negativa a se stessi o agli altri. Ad esempio, ci si può definire "perdenti" perché si è commesso un piccolo errore.

  • La personalizzazione è quando ci si incolpa di qualcosa che non è colpa propria. Ad esempio, si può pensare che se non si piace a qualcuno è perché non si è abbastanza bravi.

Questi schemi di pensiero possono portare a disturbi d'ansia, depressione e altre condizioni di salute mentale. Il lavoro con un terapeuta CBT aiuta a identificare e modificare questi schemi di pensiero per aiutarvi a reagire alle situazioni in modo più sano.

 

Storia della terapia cognitivo-comportamentale

la storia della terapia cognitivo-comportamentaleQuando ci si chiede che cos'è la terapia cognitivo-comportamentale, la risposta deve tenere conto anche di come è stata sviluppata. Questa forma di terapia cognitiva è stata sviluppata negli anni '60 dallo psichiatra Aaron T. Beck, che notò che i suoi pazienti affetti da depressione tendevano ad avere schemi di pensiero negativi. Inizialmente la CBT si è sviluppata a partire dalla terapia comportamentale, un altro metodo di trattamento psicologico incentrato sul cambiamento dei comportamenti piuttosto che dei pensieri. Tuttavia, la CBT ha presto incorporato tecniche cognitive, da cui il nome "terapia cognitivo-comportamentale".

Ricerche più recenti hanno dimostrato che la CBT è un trattamento efficace per l'ansia, la depressione e altri problemi di salute mentale. Di fatto, il National Institute of Mental Health raccomanda ora la CBT come trattamento di prima linea per ansia, depressione e difficoltà emotive. In alcuni Paesi, molte compagnie di assicurazione sanitaria coprono la CBT, considerata un piano di trattamento economicamente vantaggioso.

 

Come funziona la terapia cognitivo-comportamentale?

La CBT funziona aiutando i clienti a capire come i pensieri e i comportamenti si influenzino a vicenda. Una volta che si è consapevoli degli schemi di pensiero, si impara a cambiarli. Per esempio, se si è inclini a pensare in modo negativo, la CBT può aiutare a imparare a riconoscere e a sfidare i pensieri negativi. Questo processo porta a un cambiamento nel comportamento, con conseguente rilascio delle emozioni negative e miglioramento della salute mentale.

Come detto in precedenza, la CBT viene solitamente eseguita settimanalmente per 12-20 settimane con l'aiuto di un terapeuta cognitivo comportamentale. Il numero di sedute può variare a seconda delle esigenze individuali e di solito viene deciso da cliente e terapeuta. La CBT si basa principalmente sulla terapia del colloquio e spesso include esercizi a casa che sinergizzano con le sessioni settimanali. Gli esercizi variano da persona a persona, a seconda dei pensieri e dei comportamenti da modificare. Alcuni esercizi comuni utilizzati nella CBT includono:

  • Identificare i pensieri e le convinzioni negative
  • Sfidare e modificare i pensieri negativi
  • Imparare a rilassarsi
  • Esercitare l'assertività e il linguaggio positivo di sé stessi
  • Definizione degli obiettivi e monitoraggio dei progressi

La terapia cognitivo-comportamentale può essere somministrata di persona, al telefono o online. Si svolge in diversi contesti, come sessioni di terapia di gruppo o individuale. Le sessioni di gruppo spesso prevedono la condivisione di esperienze con altri e la messa in pratica di nuove abilità in un ambiente di supporto. Le sessioni individuali sono più adatte alle esigenze specifiche di un individuo.

 

Tecniche di terapia cognitivo-comportamentale

Tecniche e pratiche della terapia cognitivo-comportamentaleGli esercizi di terapia cognitivo-comportamentale sono una parte fondamentale di questa terapia. Questi esercizi aiutano le persone a identificare e modificare i loro pensieri e comportamenti negativi. Spesso aiutano a migliorare la salute emotiva e i modelli comportamentali fornendo capacità di coping. Di seguito sono riportati alcuni esempi di esercizi di CBT.

Laristrutturazione cognitiva è un esercizio della CBT che aiuta le persone a identificare e mettere in discussione i loro pensieri negativi e le loro convinzioni non utili. L'esercizio consiste nello scrivere i pensieri negativi, valutare le prove a favore e contro ogni pensiero e generare una visione più realistica e positiva.

L'Esperimento comportamentale è un esercizio di terapia cognitivo-comportamentale che aiuta le persone a testare i loro pensieri negativi. L'esercizio consiste nello scegliere un'attività che si evita a causa dei propri pensieri negativi e nel praticarla monitorando i propri pensieri e sentimenti.

Laterapia dell'esposizione è un esercizio cognitivo-comportamentale che aiuta le persone a confrontarsi con le proprie paure. Questo esercizio prevede l'esposizione graduale all'oggetto o alla situazione che provoca la paura, seguita dal monitoraggio dei pensieri e dei sentimenti.

La mindfulness è un esercizio di terapia cognitivo-comportamentale che aiuta le persone a concentrarsi sul momento presente. Questo esercizio consiste nel prestare attenzione ai pensieri, ai sentimenti e alle sensazioni senza giudicare.

Letecniche di rilassamento sono esercizi di terapia cognitivo-comportamentale che aiutano le persone a gestire lo stress e i disturbi d'ansia. Si tratta di esercizi di respirazione, rilassamento muscolare progressivo e visualizzazione.

 

CBT per le condizioni di salute mentale

Terapia cognitivo-comportamentale per le condizioni di salute mentalePoiché offre strategie e meccanismi di coping, la CBT è un trattamento efficace per molti disturbi mentali, tra cui i disturbi dell'umore, il disturbo depressivo maggiore e il disturbo post-traumatico da stress. Ecco alcune delle condizioni di salute mentale più comuni che la CBT può trattare efficacemente:

 

Disturbi d'ansia

L'ansia è un'emozione provata da molti individui a un certo punto della loro vita. Tuttavia, può essere debilitante quando l'ansia eccessiva interferisce con le attività quotidiane. La ricerca ha dimostrato che la CBT è una delle terapie psicologiche utilizzate per trattare vari tipi di disturbi d'ansia, tra cui il disturbo di panico, il disturbo d'ansia sociale e il disturbo d'ansia generalizzato.

Questa forma di terapia aiuta le persone a identificare e modificare i loro pensieri e comportamenti negativi legati alla paura e all'ansia. Alcune delle tecniche utilizzate nella CBT per l'ansia comprendono la terapia di esposizione, le tecniche di rilassamento e la ristrutturazione cognitiva.

 

Depressione

La depressione è una malattia mentale comune che causa un disagio significativo e una compromissione del funzionamento. La CBT aiuta le persone a identificare e modificare i pensieri e i comportamenti negativi legati alla tristezza e alla disperazione. La ricerca ha dimostrato che la CBT tratta efficacemente la depressione da sola e in combinazione con i farmaci.

Alcune tecniche utilizzate nella CBT per la depressione comprendono la terapia di esposizione, l'attivazione comportamentale e la ristrutturazione cognitiva. La CBT aiuta anche a gestire i sintomi della depressione, come problemi di sonno, stanchezza e scarsa motivazione.

 

Disturbo da uso di sostanze

Il disturbo da uso di sostanze è una condizione grave con quattro caratteristiche principali: dipendenza fisica, uso rischioso, problemi sociali e alterazione del controllo. Ha molte conseguenze fisiche, psicologiche e sociali. La ricerca ha dimostrato che la CBT tratta efficacemente i disturbi da uso di sostanze, come il disturbo da uso di alcol. La CBT può anche aiutare le persone a smettere di fumare.

La CBT aiuta le persone a identificare e modificare i pensieri e i comportamenti negativi legati all'uso di sostanze. La CBT può anche aiutare le persone a gestire i sintomi di astinenza e le voglie. Alcune tecniche utilizzate nella CBT per il disturbo da uso di sostanze includono la terapia dell'esposizione, la gestione delle contingenze e la ristrutturazione cognitiva.

 

Disturbi alimentari

I disturbi alimentari causano un disagio significativo e una compromissione del funzionamento. La CBT aiuta le persone con disturbi alimentari a identificare e modificare i loro pensieri e comportamenti negativi legati al cibo e all'alimentazione.

La ricerca ha dimostrato che la CBT tratta efficacemente l'anoressia nervosa, la bulimia nervosa e i disturbi da alimentazione incontrollata. Alcune tecniche utilizzate nella CBT per i disturbi alimentari includono la terapia di esposizione, la ristrutturazione cognitiva e la psicoterapia interpersonale.

 

Disturbo ossessivo-compulsivo (DOC)

Il disturbo ossessivo compulsivo è un grave disturbo della salute mentale che causa un disagio significativo e una compromissione del funzionamento. La ricerca ha dimostrato che la CBT tratta efficacemente il disturbo ossessivo compulsivo. Alcune tecniche utilizzate nella CBT per il disturbo ossessivo compulsivo comprendono la terapia dell'esposizione, la prevenzione della risposta e la ristrutturazione cognitiva.

 

Le persone chiedono anche della terapia cognitivo-comportamentale

Domande frequenti sulla terapia cognitivo-comportamentale

Cosa fa la terapia cognitivo-comportamentale?

La terapia cognitivo-comportamentale è un tipo di terapia psicologica che aiuta le persone a identificare e modificare i pensieri e i comportamenti negativi. La CBT è uno dei trattamenti più efficaci per l'ansia e la depressione ed è utile anche per altri problemi di salute mentale. Gli interventi cognitivo-comportamentali aiutano le persone ad affrontare le sfide emotive, i disturbi emotivi, i problemi psicologici e la gestione dello stress.

 

Quanto durano le sedute di terapia cognitivo-comportamentale?

La terapia cognitivo-comportamentale dura in genere 12-20 settimane e si svolge in sessioni settimanali con un terapeuta. La durata della CBT può essere più breve o più lunga a seconda delle esigenze dell'individuo.

 

Quali sono gli obiettivi della terapia cognitivo-comportamentale?

La terapia cognitivo-comportamentale mira a identificare e modificare i pensieri e i comportamenti negativi. La CBT prevede anche compiti a casa, come tenere un diario o mettere in pratica nuove abilità al di fuori della seduta.

 

Qual è un esempio di terapia cognitivo-comportamentale?

Un esempio di terapia cognitivo-comportamentale consiste nel lavorare con un terapeuta per identificare i pensieri e i comportamenti negativi e quindi modificarli. La CBT può anche comportare compiti a casa, come tenere un diario o mettere in pratica nuove abilità al di fuori della seduta.

 

Quali sono le cinque componenti della terapia cognitivo-comportamentale?

Le cinque componenti della terapia cognitivo-comportamentale sono: identificare i pensieri e i comportamenti negativi, modificare i pensieri e i comportamenti negativi, stabilire obiettivi, svolgere compiti a casa e mettere in pratica nuove abilità.

 

Posso fare terapia cognitiva su me stesso?

In genere il terapeuta utilizza la CBT in sedute settimanali, ma è possibile trovare libri, fogli di lavoro ed esercizi online che insegnano le tecniche utilizzate nella CBT. In effetti, gli esercizi a casa sono parte integrante della CBT, anche se svolti con un terapeuta professionista.

 

RISORSE PER LA SALUTE MENTALE DI ANAHANA

WIKI SULLA SALUTE MENTALE

Gestione dello stress

Attività di gestione dello stress

Gestione dello stress per gli adolescenti

Stress sul posto di lavoro

Stress e pressione

 

BLOG SULLA SALUTE MENTALE

Nebbia cerebrale

Che cos'è il narcisismo

Disturbo affettivo stagionale

Disintossicazione digitale

 

 

 
Meditazione per la depressione

Meditazione per la depressione

La depressione è un disturbo mentale comune che colpisce circa 280 milioni di persone in tutto il mondo. La depressione provoca molte difficoltà...

Continue Reading
Chakra viola

Chakra viola

Il chakra viola, chiamato anche settimo o chakra della corona, è posizionato sulla sommità del capo e rappresenta il livello più alto di...

Continue Reading
Chakra Indaco

Chakra Indaco

Il chakra indaco, noto anche come terzo occhio o sesto chakra, situato al centro della fronte, è responsabile della nostra visione interiore,...

Continue Reading