8 lettura minuti

Neurodiversità

 

Imparate a conoscere il concetto di neurodiversità, i tipi di disturbi neurodiversi e come il movimento della neurodiversità sfida i modi di pensare tradizionali.

 

Definizione di neurodiversità

La neurodiversità spiegataLa neurodiversità è un concetto che descrive l'idea che i cervelli umani si sviluppano e funzionano in modo diverso e interagiscono e sperimentano il mondo in modo diverso. La diversità nello sviluppo del cervello umano si traduce in differenze nella cognizione, nell'apprendimento e nel comportamento. Circa un individuo su cinque è neurodivergente, cioè il suo cervello funziona in modo diverso da quello considerato standard o tipico.

Secondo il National Symposium on Neurodiversity, la neurodiversità combina tratti considerati come sfide e punti di forza. Pur essendo un termine non medico, la neurodiversità può essere applicata a persone con condizioni mediche e difficoltà di apprendimento.

Tuttavia, le differenze cerebrali in queste condizioni sono accompagnate da deficit e possono essere considerate come punti di forza o vantaggi individuali.

 

Storia della neurodiversità

La sociologa australiana Judy Singer ha coniato il termine neurodiversità nel 1998 per riconoscere lo sviluppo unico del cervello e promuovere l'uguaglianza. La Singer ha collocato la variazione cognitiva umana nel contesto della biodiversità.

Nella sua tesi di laurea in sociologia, la Singer ha discusso il fatto che esistono differenze precise nel cervello degli individui, anche dei gemelli identici, per cui non esiste una definizione universale delle capacità normali del cervello umano.

Alcuni autori riconoscono anche il lavoro precedente di Jim Sinclair, un sostenitore dell'autismo che ha avanzato il concetto di neurodiversità. È stato il principale organizzatore della comunità internazionale dell'autismo online. Nel suo discorso del 1993, "Non piangete per noi", Sinclair ha sottolineato che l'autismo non è un disturbo dello sviluppo neurologico ma un modo di essere.

 

Movimento per la neurodiversità

Il movimento per la giustizia sociale o movimento per la neurodiversità è stato avviato dalla sociologa australiana Judy Singer. Il movimento è emerso negli anni '90, quando la Singer ha considerato la neurodiversità nel contesto della politica dei gruppi minoritari.

Questo movimento è nato dal movimento per i diritti dell'autismo e ha messo in discussione l'idea che le condizioni classificate o etichettate come disturbi del neurosviluppo siano intrinsecamente patologiche.

 

Obiettivi del Movimento per la Neurodiversità

L'obiettivo principale del movimento per la neurodiversità era quello di abbracciare le differenze neurologiche nelle persone e aumentare i livelli di inclusione e accettazione della neurodiversità. Il movimento ha incoraggiato le persone il cui cervello funziona in modo diverso e a celebrare la neurodiversità.

Le persone con autismo hanno rappresentato una parte significativa del movimento. Attraverso i social media e le piattaforme online, molte persone con autismo sono state in grado di connettersi, comunicare e formare un collettivo di autodifesa.

La stessa Singer era nello spettro autistico e considerava la neurodiversità come un movimento di giustizia sociale, che promuoveva l'uguaglianza di quelle che descriveva come "minoranze neurologiche", che comprendono individui il cui cervello funziona in modo atipico.

Tra queste persone ci sono persone con disturbo dello spettro autistico, ADHD e differenze di apprendimento. Ha sottolineato che queste differenze non devono essere viste come deficit, ma piuttosto come vantaggi e variazioni preziose del lavoro del cervello che devono essere apprezzate.

L'obiettivo del movimento per la neurodiversità era quello di evidenziare i benefici e i punti di forza associati alla neurodiversità. Si basava sul modello sociale della disabilità, secondo il quale la disabilità derivava da barriere istituzionali, sistemiche o sociali piuttosto che da deficit intrinseci dell'individuo.

In base al modello sociale della disabilità, i disturbi che colpiscono i bambini con ADHD, autismo e difficoltà di apprendimento derivano da barriere ambientali, come ad esempio una classe rumorosa e luminosa o un programma scolastico rigido. Sono anche minati dallo stigma e dall'esclusione sociale che derivano dall'incomprensione delle persone neurotipiche.

Per questo motivo gli attivisti della comunità autistica e non solo hanno incoraggiato cambiamenti ambientali, tra cui aule, luoghi di lavoro, comunità e strutture sanitarie, per rendere questi ambienti più aperti alle persone con differenze e più accoglienti.

 

Esempi di neurodiversità

esempi di neurodiversitàLa neurodiversità non è un termine medico, quindi gli individui non presentano segni e sintomi simili. Il numero di modi in cui il cervello umano può essere cablato è infinito. Le diagnosi consentono agli individui di comunicare e di fare riferimento a segni e sintomi specifici che normalmente si presentano insieme.

Esistono vari esempi di neurodiversità. Le condizioni più comuni tra gli individui che sono esempi di neurodiversità includono:

  • Sindrome di Down
  • Disturbo dello spettro autistico
  • ADHD
  • Disturbo ossessivo-compulsivo
  • Dislessia
  • Disturbo bipolare.

Altri esempi di neurodiversità sono la discalculia, la disgrafia, le disabilità intellettive, le difficoltà di apprendimento, i disturbi dell'elaborazione sensoriale, l'ansia sociale, la sindrome di Prader-Willi (PWS) e la sindrome di Tourette.

 

I tipi più comuni di neurodiversità

Dislessia

La dislessia è il tipo di neurodiversità più comune tra gli adulti, con circa il 10% degli adulti a cui è stata diagnosticata. Il secondo tipo più comune è il disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD), con circa il 4-5% della popolazione affetta da ADHD. Il terzo tipo di neurodiversità più comune è il disturbo dello spettro autistico (ASD), con circa l'1-2% della popolazione affetta da ASD.

Insieme, dislessia, ADHD e ASD costituiscono circa il 70% di tutte le diagnosi di disturbi del neurosviluppo.

 

Disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD)

L'ADHD, un esempio comune di neurodiversità, comprende uno spettro di sintomi ed esperienze. A causa delle differenze nel funzionamento del cervello, gli individui possono manifestare i sintomi sempre, in parte o raramente.

Nella maggior parte dei casi, le differenze cerebrali non richiedono un adattamento. Tuttavia, i datori di lavoro o i professori potrebbero dover adattare la loro comunicazione con le persone con ADHD. Una comunicazione proattiva, la modifica degli orari di lavoro e delle lezioni e l'adattamento delle strategie di valutazione delle prestazioni possono aiutare queste persone a ottimizzare le loro capacità.

 

Disabilità di apprendimento

I disturbi o le disabilità di apprendimento, un altro esempio di neurodiversità, sono disturbi cognitivi che influiscono sulla capacità di ricordare ed elaborare determinate informazioni. I bambini con difficoltà di apprendimento non sembrano avere una disabilità e possono essere trascurati all'interno del contesto scolastico.

Il problema può essere esacerbato se gli studenti con difficoltà di apprendimento eccellono in altre materie, perché gli insegnanti potrebbero etichettare i ragazzi come poco concentrati o pigri. Gli studenti con disturbi dell'apprendimento possono avere difficoltà in alcune aree e prosperare in altre.

Le difficoltà di apprendimento più comuni sono la discalculia, la dislessia e la disgrafia. Tuttavia, è fondamentale capire che non si tratta di disabilità intellettive e che le difficoltà di apprendimento non equivalgono a un'intelligenza inferiore alla media.

La causa esatta di queste condizioni è sconosciuta; tuttavia, la ricerca dimostra che i fattori genetici giocano un ruolo importante nelle difficoltà di apprendimento e perché il cervello funziona in modo diverso.

 

La neurodiversità come identità

La neurodiversità come identitàLe concezioni dell'identità sono complesse. Gli individui hanno diverse identità che si manifestano in vari ambienti e contesti.

Spesso ci si chiede se le condizioni neurodiverse, tra cui il disturbo bipolare, l'autismo, la dislessia e la disprassia, facciano parte dell'identità di un individuo. L'identità è un costrutto sia biologico che sociale.

Il linguaggio è particolarmente importante quando si considera il modo in cui le persone vogliono descriversi. Mentre il linguaggio incentrato sulla persona è sostenuto dai sostenitori della disabilità, il linguaggio incentrato sull'identità può alterare il panorama della neurodiversità come identità.

L'evoluzione della neurodiversità si è concentrata su individui con diagnosi cliniche o formali di ADHD, autismo o disturbi dell'apprendimento per includere un gruppo più ampio.

Inizialmente il termine era usato solo per descrivere persone borderline con una diagnosi clinica e sintomi vicini alla soglia clinica per una diagnosi. Più di recente, la neurodiversità comprende individui che si auto-identificano come neurodiversi e che ritengono di elaborare e pensare fuori dagli schemi.

Gli adolescenti e molte persone si sentono sempre più a loro agio nell'identificarsi come neurodiversi e nell'accettare la realtà. Per i ragazzi e gli adolescenti che hanno difficoltà sociali, l'autoidentificazione come neurodiversi può consentire loro di dare un senso ai loro sentimenti e alle loro esperienze.

Questo concetto può fornire una spiegazione basata sul cervello agli individui che lottano per comprendere le loro differenze. Può anche aiutare a creare un senso di appartenenza e di comunità con altri neurodiversi.

I giovani e gli adolescenti si stanno diagnosticando condizioni che rientrano nella definizione di neurodiversità per convalidare le loro esperienze. I ragazzi mostrano una maggiore disponibilità a farsi valutare per le loro condizioni.

 

Neurodiversità e disturbi dello spettro autistico (ASD)

Secondo un recente rapporto del Comitato di coordinamento interagenzie per l'autismo, a un bambino su 68 è stato diagnosticato un disturbo autistico. Una percezione comune degli individui dello spettro autistico è che abbiano problemi comportamentali e manchino di abilità sociali, ma questo non è sempre vero.

Gli individui possono agire in modo diverso solo in determinate situazioni e non essere socialmente sfidati. Queste differenze possono portare a una cattiva comunicazione tra individui non autistici e autistici e a circostanze potenzialmente stressanti.

Molti individui con autismo dimostrano eccezionali capacità cognitive, intelligenza e riconoscimento dei modelli. Anche l'iperlessia, la capacità di leggere eccezionalmente bene e precocemente, è correlata all'ASD.

L'ASD è legato a differenze nell'apprendimento, nella comunicazione e nel comportamento e i segni dell'ASD possono variare da un individuo all'altro. Le persone con ASD hanno diversi punti di forza, bisogni, abilità e sfide.

Per esempio, alcuni individui con autismo eccellono nella comunicazione verbale, hanno un QI superiore alla media e vivono in modo indipendente.

Al contrario, altri possono essere incapaci di comunicare i propri sentimenti e lottare con comportamenti dannosi che hanno un impatto sul loro benessere, dipendono dagli altri, hanno difficoltà a navigare negli ambienti di gruppo e nelle relazioni sociali e hanno problemi coesistenti con l'elaborazione sensoriale.

Anche il linguaggio è importante per la comunità autistica. Mentre molte organizzazioni di difesa della disabilità preferiscono un linguaggio incentrato sulla persona, come "persone con autismo", le ricerche dimostrano che la comunità autistica preferisce un linguaggio incentrato sull'identità, come "persona autistica".

 

Sfide per gli individui dello spettro autistico

Le sfide che gli individui autistici incontrano possono derivare dalle barriere sociali e dalle norme della società che determinano l'ineguaglianza e l'esclusione sociale. L'intervento medico potrebbe essere importante per gli individui autistici e la definizione di una diagnosi formale può anche contribuire a migliorare l'accesso ai servizi medici e sociali.

Oltre alla diagnosi clinica, per gli adulti autistici è fondamentale mitigare le barriere sociali e ambientali e lo stigma. Gli studi dimostrano che oltre l'80% degli adulti autistici a livello globale è disoccupato. Le organizzazioni devono affrontare lo stigma e le barriere che impediscono alle persone autistiche di essere impiegate.

 

La neurodiversità al lavoro

La neurodiversità al lavoroGli sforzi per includere una maggiore neurodiversità possono migliorare il posto di lavoro. Le persone neurodiverse, come gli autistici, possono contribuire con le loro prospettive, i loro talenti e le loro capacità a sostenere le prestazioni e la produttività dell'organizzazione.

Una ricerca ha dimostrato che un team neurodiverso al lavoro determina una maggiore produttività. Uno studio ha dimostrato che, dopo sei mesi di lavoro in un'unica area della banca, i lavoratori autistici svolgevano il lavoro di persone che avevano impiegato tre anni per crescere, oltre a essere più produttivi del 50%.

Alcune delle abilità e dei talenti delle persone neurodiverse che possono essere utili alle organizzazioni sono la creatività, l'innovazione, l'accuratezza e la capacità di individuare gli errori, la persistenza e l'affidabilità, i metodi unici di risoluzione dei problemi e la capacità di eccellere in lavori ripetitivi o di routine.

L'adozione di programmi per aumentare la neurodiversità sul posto di lavoro e l'assunzione di un maggior numero di persone neurodiverse comprende la ricerca di metodi alternativi per la valutazione dei candidati, la collaborazione con agenzie locali, organizzazioni no-profit e fornitori di servizi e l'adozione di programmi di formazione e tutoraggio per le persone neurodiverse che possono contribuire a promuovere l'inclusività sul posto di lavoro.

È quindi fondamentale valorizzare i punti di forza delle persone autistiche, che potrebbero anche aiutarle a migliorare la fiducia, l'autostima, le abilità sociali e le competenze di vita.

 

Gli individui sono neurodiversi

La neurodiversità può essere utilizzata per descrivere la gamma di condizioni neurologiche che alterano il modo in cui gli individui pensano e interagiscono con l'ambiente circostante. Sebbene il termine includa disturbi dello sviluppo, difficoltà di apprendimento, condizioni neurologiche e ADHD, non esistono due cervelli uguali. Pertanto, la neurodiversità si applica a tutti gli individui della società.

La neurodiversità non è la stessa cosa di una disabilità. È l'idea che le differenze cerebrali siano normali. Sebbene alcuni studenti o individui neurodiversi possano aver bisogno di adattamenti sul lavoro o a scuola, possiedono punti di forza individuali, tra cui la creatività e il pensare fuori dagli schemi.

La neurodiversità e le differenze nel cervello umano esistono nel mondo da molto tempo, e queste differenze hanno plasmato il mondo nel modo in cui è oggi. È nostra responsabilità nei confronti delle generazioni future continuare a promuovere e costruire l'educazione, l'accettazione e la celebrazione della diversità.

La società può aiutare gli individui a realizzare il loro potenziale senza lo stigma e i pregiudizi legati alle loro differenze. Capire cos'è la neurodiversità e i tipi di neurodiversità e incoraggiare amici, colleghi, familiari e la comunità a istruirsi su questo tema favorirà un ambiente inclusivo e prospero per tutti.

Un linguaggio rispettoso e la conoscenza della neurodiversità sono importanti anche per i medici che devono valutare la salute fisica e mentale delle persone con differenze nel neurosviluppo.

Abbracciare e considerare le differenze del neurosviluppo, come l'autismo, l'ADHD e le difficoltà di apprendimento, come punti di forza piuttosto che enfatizzare i deficit e le sfide, è l'idea alla base della neurodiversità.

Riferimenti

Che cos'è la neurodiversità?-Harvard Health.

Cos'è la neurodiversità? | Capito

 
Crioterapia

Crioterapia

La crioterapia è un trattamento che può aiutare a combattere lo stress, l'ansia, il dolore e la riabilitazione delle lesioni. La crioterapia viene...

Continue Reading
Scienza dello sport

Scienza dello sport

La scienza dello sport è la fusione dei principi scientifici con l'allenamento e le prestazioni sportive. L'applicazione del metodo scientifico alle...

Continue Reading
Sistema limbico

Sistema limbico

Secondo l'evoluzione, il sistema limbico è una delle parti più antiche del nostro cervello. Secondo teorie come il modello del cervello trino, è...

Continue Reading